Chiese e luoghi di culto abruzzesi - Chiesa di S.Emidio e S.Colomba a Caprafico

Teramo

Chiesa di S.Emidio e S.Colomba a Caprafico

 
 

Caprafico è una frazione di Teramo e nel Medioevo fu una vera e propria potenza, tanto da insidiare persino quella di Teramo. Arroccata in un castello e citata già in un documento del 1116, sorgeva un tempo su un vicino colle più alto di quello attuale, dov’era anche la chiesa di S.Colomba. Nel 1450 venne ricostruita dov’è ora, accanto alla preesistente chiesa di S.Emidio; ricostruita anche la chiesa, questa prese il nome di Chiesa di S.Emidio e S.Colomba. Si presenta oggi nella sua ristrutturazione del 1625, dopo essere stata restaurata circa 100 anni dopo a seguito dei danni subiti dal terremoto del 1703 e dopo la ristrutturazione del 1960. In quest’ultima circostanza, dopo essere stata chiusa per alcuni anni, venne riaperta al culto il 21 maggio 1961. Presenta copertura a capanna ed il portale è abbellito da un mosaico in ceramica dedicato alla Madonna posto lì nel 1988. Esso è sovrastato da un grande finestrone rotondo. Alla parete posteriore si appoggia una moderna torre campanaria con rastremazione piana, dove sono alloggiate due campane. L’interno, a navata unica, custodisce due tele datate 1750.

Per arrivarci da Teramo, da cui dista circa Km.10 (vedi mappa): si percorre la S.S. 81 in direzione di Chieti e si seguono le facili indicazioni stradali per Caprafico.

Chiesa di S.Emidio e S.Colomba a Caprafico di Teramo

Chiesa di S.Emidio e S.Colomba a Caprafico di Teramo

Caprafico di Teramo: panorama

 
 

Chiesa di S.Emidio e S.Colomba a Caprafico di Teramo

Chiesa di S.Emidio e S.Colomba a Caprafico di Teramo

Chiesa di S.Emidio e S.Colomba a Caprafico di Teramo

Chiesa di S.Emidio e S.Colomba a Caprafico di Teramo

 

 

Foto e testi di Francesco Mosca

(2011)

 

Le immagini presenti in questo sito possono essere liberamente
copiate, utilizzate e distribuite, purchè non a fini di lucro
e purchè, in caso di utilizzo, se ne citino l’autore e la fonte.
 
 

www.paesiteramani.it - Per dare o ricevere informazioni sull'argomento inviare una e-mail a: info@paesiteramani.it