Folklore abruzzese - Sant'Agnese Jugulata a L'Aquila

Prov. L'Aquila

Sant'Agnese Jugulata

 
   
 

Apprendiamo dal Maestro Camillo Berardi che a L'Aquila, e soltanto a L'Aquila, il 21 gennaio di ogni anno si festeggia la Sant'Agnese laica aquilana "Protettrice delle Malelingue e del Pettegolezzo" ed in questo periodo la città diventa "Capitale della Maldicenza". Circa trecento confraternite agnesine, costituitesi in onore della Santa Pagana, si riuniscono in allegre e festose conviviali per lasciarsi andare a colpi di "linguate" e di "licenziosa maldicenza" cittadina; i più "linguacciuti" di ogni congrega si contendono l'assegnazione di "Cariche" goliardiche e folkloristiche che conserveranno orgogliosamente per un anno sino all'edizione della successiva festa popolare.

Il canto che segue, proposto con testo in vernacolo e relativa traduzione in lingua, è il "primo Inno ispirato al mito intramontabile di Sant'Agnese, Protettrice delle Malelingue e del Pettegolezzo."

 

Sant'Agnese Jugulata: folklore a L'Aquila

Ascolta il canto

 
 

 

SANT’AGNESE JUGULATA

 

Versi di Alarico Bernardi

Musica,  armonizzazione ed  elaborazione corale  di Camillo Berardi

 

Sant’Agnese jugulata

la reggina ‘e lla lencua e ju sfotto’.

Sant’Agnese reprecata

‘na pipìzzela che non se’ po’ frena’.

 

A mezza strai, fra storia e tradizio’,

a L’Aquila te ‘nfrocio Sant’Agnese

che se rencora pe’ lla deozio’,

sintita da lla gente ‘e ‘stu paese!

“Quistu che pare propriu ‘nu borghittu,

è ‘na città borghese da ‘na freca!”

So’ pricisatu co’ ‘nu sorrisittu,

tantu ‘nguastita da non fa’ ‘na piega!

 

Sant’Agnese jugulata

la reggina ‘e lla lencua e ju sfotto’.

Sant’Agnese reprecata

‘na pipìzzela che non se’ po’ frena’.

 

“Girenno pe’ ‘ste rue, mopa e rattusa,

me so’ ‘ncontrata co’ lla Maldicenza

che, pirchipètela, striscea sgaliusa

e tutti ji faceano riverenza!”

Pocu cchiù abballe, pe’ lla stessa via,

Pettegolezzo ‘icea ‘na fessaria:

“Fasse ji fatti se’! Non esse’ spia!”

Ma è chiacchiara’ che provoca gulìa!

 

 

Sant’Agnese jugulata

la reggina ‘e lla lencua e ju sfotto’.

Sant’Agnese reprecata

‘na pipìzzela che non se’ po’ frena’.

 

S’attecchia co’ rapìa ‘na mala lencua zozza,

ironizzènno sempre su chi lla tene mozza!

 

 

Sant’Agnese jugulata

la reggina ‘e lla lencua e ju sfotto’.

Sant’Agnese reprecata

‘na pipìzzela che non se’ po’frena’.

 

 

Locandina della celebrazione 2012 di S.Agnese Jugulata a L'Aquila

Annullo filatelico 2004 in occasione dei festeggiamenti in onore di S.Agnese Jugulata a L'Aquila.

Annullo filatelico 2012 in occasione dei festeggiamenti in onore di S.Agnese Jugulata a L'Aquila.

 

Immagini gentilmente

messe a disposizione

dal Maestro Camillo Berardi.

 

 

 

guarda il filmato anche su

 

Scarica lo spartito

 

SANT’AGNESE SGOZZATA

(traduzione in lingua)

 

 Versi di Alarico Bernardi

 Musica, armonizzazione ed elaborazione corale di Camillo Berardi

 

Sant’Agnese sgozzata

la regina della lingua e dello sfottò.

Sant’Agnese ripregata

una favella che frenare non si può.

 

A mezza strada, fra storia e tradizione,

a L’Aquila t’incontro Sant’Agnese

che si rincuora per la devozione,

sentita dalla gente di questo paese!

“Questo che sembra proprio un borghetto,

è una città borghese da molto tempo!”

Ho precisato con un sorrisetto,

tanto arrabbiata da non fare una piega!

 

Sant’Agnese sgozzata

la regina della lingua e dello sfottò.

Sant’Agnese ripregata

una favella che frenare non si può.

 

“Girando per queste stradine, rattristata e libidinosa,

mi sono incontrata con la Maldicenza

che, pettegola, strisciava sgallettata

e tutti le facevano riverenza!”

Poco più avanti, per la stessa via,

Pettegolezzo diceva una fesseria:

“Farsi i fatti propri! Non essere spia!”

Ma è chiacchierare che provoca golosità!

 

Sant’Agnese sgozzata

la regina della lingua e dello sfottò.

Sant’Agnese ripregata

una favella che frenare non si può.

 

Si ascolta con desiderio irrefrenabile una mala lingua sozza,

ironizzando sempre su chi la tiene mozza!

 

Sant’Agnese sgozzata

la regina della lingua e dello sfottò.

Sant’Agnese ripregata

una favella che frenare non si può.

 

 
 

 

 

Le immagini presenti in questo sito possono essere liberamente copiate, utilizzate e distribuite, purchè non a fini di lucro
e purchè, in caso di utilizzo, se ne citino l’autore e la fonte.
 

www.paesiteramani.it - Per dare o ricevere informazioni sull'argomento inviare una e-mail a: info@paesiteramani.it