HOME

Cappella Casa

Maria Immacolata

Cappella Castorani

Cappella Cerulli

Cappella

De Bartolomei

Cappella Gasbarrini

Chiesa della Misericordia

Istituto Gualandi

Natività

di Maria Vergine

Piccola Opera Charitas

San Domenico

San Flaviano

San Gabriele

San Giuseppe

San Pietro Apostolo

San Rocco

Sant'Anna

Sant'Antonio

Santa Lucia

Santa Maria a Mare

Santa Maria dell'Arco

Santo Volto

Santuario Madonna

dello Splendore

(Porta Santa

Giubileo 2015-2016)

SS. Trinità

Giulianova, in provincia di Teramo, 23.606 abitanti nel 2011, può vantare una storia davvero antichissima. Trova infatti le sue radici in una cittadella romana fortificata che si chiamava Castrum Novum fondata probabilmente intorno al 300 a.c. su un insediamento preesistente, forse abitato dai Piceni.

Dotata di un porto fluviale sul Batinus (Tordino) e situata in un luogo strategico dove la strada litoranea adriatica si incontrava con una diramazione della Via Salaria che consentiva di collegarsi a Roma, divenne ben presto un importante centro commerciale ed un ambito presidio militare.

In età bizantina il nome viene modificato in Kastron Nobo, come si legge in qualche cartina dell’epoca, e dopo aver subito ripetuti saccheggi dovuti ad assalti dal mare, intorno all’anno 1.000 il centro abitato si spostò più verso la parte collinare, più sicura e più difendibile, cambiando il proprio nome in Castel San Flaviano in conseguenza del fatto che nel 1004 sulle sue rive erano approdate le reliquie del Santo Vescovo di Costantinopoli, San Flaviano appunto, forse durante un naufragio mentre esse venivano traslate da Costantinopoli a Ravenna per volere della Imperatrice Galla Placidia.

Nel 1460 nei pressi del fiume Tordino ci fu una violentissima battaglia tra Aragonesi ed Angioini, a seguito della quale fu messa a ferro e fuoco tutta la zona. Questo indusse il feudatario Giulio Antonio Acquaviva, Duca di Atri e Conte di Conversano, a ricostruire il centro abitato, stavolta in cima alla vicina collina, dove c’era la possibilità di proteggerla con mura. La nuova città, la cui nascita si vuole datare al 20 gennaio 1470, si chiamò Giulia, dal nome del suo fondatore, e fu munita di mura fortificate e di alte torri. Seppure più sicura, la città subì egualmente saccheggi nei secoli. Nel 1596 e nel 1708 subì l’assalto dei Lanzichenecchi e nel 1798 quello dei Francesi, e durante la permanenza di questi, precisamente nel 1799, fu incendiato l’intero archivio degli Acquaviva, andando distrutta una quantità enorme di documenti riguardanti le nostre radici.

Dopo la breve parentesi francese Giulia tornò sotto il dominio borbonico fino all’Unità d’Italia. E proprio da Giulianova, il 15 ottobre 1860, passò il Re Vittorio Emanuele II quando fece il suo ingresso nell’ex regno borbonico, prima di andare ad incontrare Giuseppe Garibaldi a Teano e sancire l’auspicata unificazione; in ricordo di questa visita resta un monumento che si erge in Piazza Belvedere, realizzato dallo scultore locale Raffaello Pagliaccetti (1839-1900). Da allora il nome della città ha subito delle involuzioni ed è passato gradatamente da Giulia o Julia a Giulia Nuova, poi a Giulia Nova ed infine a Giulianova.

E la storia di Giulianova, come in tutte le civiltà occidentali, passa inevitabilmente per le sue chiese. Alcune sono oggi veri e propri monumenti, altre sono belle e funzionali, altre ancora semplicemente vecchie, ma assolutamente ricche di fascino. Tutte testimoni silenziose della nostra storia.

CRONOLOGIA

 

 

1108 - Santa Maria a Mare

1472 - San Flaviano

1474 - Chiesa della Misericordia

1500 - Sant'Anna

1530 - San Rocco

1557 - Madonna dello Splendore

1566 - Sant'Antonio

1750 - SS. Trinità

1871 - Santa Lucia

1873 - San Domenico

1876 - Cappella De Bartolomei

1903 - Natività di M.V.

1934 - Istituto Gualandi

1935 - Cappella Gasbarrini

1951 - San Giuseppe

1956 - Casa Maria Immacolata

1959 - Santo Volto

1968 - Santa Maria dell'Arco

1968 - Cappella Ist. Castorani

1974 - San Pietro Apostolo

1978 - Piccola Opera Charitas

1980 - San Gabriele

2010 - Cappella Cerulli

Chiesa di S. Maria a aMare

Chiesa della Misericordia

Chiesa della Natività di Maria Vergine

Chiesa di Sant'Anna Chiesa di S. Antonio

Guarda su

Giulianova su YouTube

il Documentario su

Giulianova Rinascimentale

andato in onda su

Rai Storia il 7-3-2016

Meteo Abruzzo

Chiesa del Santo Volto di Gesù Giulianova: Santuario della Madonna dello Splendore Chiesa di San Flaviano Chiesa di San Rocco nell'Istituto Castorani Chiesa di San Pietro Apostolo

www.paesiteramani.it - webmaster: Francesco Mosca - info@paesiteramani.it

Le fotografie ed i testi sono di Francesco Mosca. Le immagini presenti in questo sito possono essere liberamente copiate, utilizzate e distribuite
purchè non a fini di lucro e purchè, in caso di utilizzo, se ne citino l’autore e la fonte.