Eremi e luoghi fortificati abruzzesi - Il Castello Piccolomini a Capestrano (Aq)

HOME

Borghi

Chiese

Eremi

Capestrano

Castel Manfrino

Fano Adriano

Frattagrande

Gole Salinello

Grotta S. Angelo

Montegualtieri

Nocella - Torre

Pacentro

Rocca Calascio

Rocca Roseto

San Bernardino

San Nicola

Santa Colomba

S.Eusanio Forc.

S.Maria di Pagliara

Persone

Capestrano: il Castello Piccolomini

 

Capestrano si trova in provincia dell’Aquila a m.465 s.l.m. nell’Alta Valle del Tirino. Fin dall’epoca medievale la sua posizione su un’altura gli ha consentito una proficua difesa del territorio, ma nel contempo ha da sempre attirato le attenzioni dei potenti che consideravano il luogo ben difendibile. In questa zona venne rinvenuta la famosa monumentale statua del “Guerriero di Capestrano”, oggi emblema dell’Abruzzo intero, espressione artistica del popolo dei Piceni del VI secolo a.C. Le prime notizie scritte risalgono al IX secolo, quando fu sotto la giurisdizione ecclesiastica; divenuto feudo di Tolomeo di Raiano, nel 1284 passò a Carlo d’Angiò e poi agli Acquaviva. Agli inizi del secolo successivo fu compreso nella Contea di Celano e pervenne nel 1566 ai Medici, dopo essere stato signoria dei Piccolomini. Proprio nel periodo dei Piccolomini il castello visse il suo periodo di maggior fulgore: venne ampliato intorno alla metà del 1400 probabilmente riutilizzando una più antica fortificazione, di cui sarebbe testimonianza la torre quadrata centrale. Con queste caratteristiche salienti il castello resistette onorevolmente sia all'assedio portatovi da Fortebraccio da Montone nel 1423 che a quello di  Pietro Navarro che nel 1528 guidò le truppe francesi contro L'Aquila. Nel 1924 usufruì di un importante restauro, in occasione del quale venne realizzato l'attuale ingresso verso la piazza, mentre l’antico ingresso, protetto da un fossato e da un ponte levatoio, dava sul lato opposto. Furono anche aperte le finestre per poter illuminare maggiormente gli ambienti interni. In uno dei muri del cortile interno è rimessa in opera una antica iscrizione sepolcrale di epoca romana che fa riferimento a Claudio e probabilmente alla Claudia Nova, strada a lui dedicata che attraversava la valle del Tirino.

Per arrivarci da Teramo, da cui dista circa Km.90 (vedi mappa): Si percorre l’autostrada A24 in direzione dell’Aquila uscendo ad Assergi. Da qui si prosegue verso Campo Imperatore e poi verso S.Stefano di Sessanio e Rocca Calascio, superati i quali, seguendo la segnaletica stradale, si incontra Capestrano lungo la strada.

Il Castello Piccolomini a Capestrano (Aq)

Il Castello Piccolomini a Capestrano (Aq)

Castello Piccolomini a Capestrano (Aq): iscrizione romana

Il Castello Piccolomini a Capestrano (Aq)

 

 

Foto e testi di Francesco Mosca

(2011)

 

 
Le immagini presenti in questo sito possono essere liberamente
copiate, utilizzate e distribuite, purchè non a fini di lucro
e purchè, in caso di utilizzo, se ne citino l’autore e la fonte.
 
 

Il Castello Piccolomini a Capestrano (Aq)

Il Castello Piccolomini a Capestrano (Aq)

Il Castello Piccolomini a Capestrano (Aq)

Castello Piccolomini a Capestrano (Aq): il centro abitato fuori le mura

Capestrano (Aq) dalla sua posizione dominante la vallata.

Castello Piccolomini a Capestrano (Aq): scorcio sulla vallata

Capestrano (Aq): vista dal Castello Piccolomini

 
 

www.paesiteramani.it - Per dare o ricevere informazioni sull'argomento inviare una e-mail a: info@paesiteramani.it